LOGO200

oggi è

350x350Luigi Marattin, attuale Deputato PD, ed ex Consigliere Economico a Palazzo Chigi, spiega quanto sia bislacca la proposta di Zingaretti.

 

"Su “La Stampa” di oggi Zingaretti lancia la sua proposta di spending review. Tre magistrati come commissari esterni: Cantone al Nord, Pignatone al Centro e Cafiero de Raho al Sud.

Si tratta di un’idea bislacca e profondamente sbagliata, per i seguenti motivi:

1) la logica della “spending review” è manageriale, non giudiziaria. Per farla serve gestire la pubblica amministrazione in modo moderno e manageriale, non servono i magistrati anti-mafia. Quelli - e Dio li - benedica - lasciamoli a fare il loro dovere (combattere la mafia) e mettiamoli nelle condizioni di farlo sempre meglio.

2) in realtà anche la logica dei commissari esterni è sbagliata. Perché la spending review o è inserita con entrambi i piedi (e pure le mani, e pure il corpo) dentro i meccanismi e il funzionamento quotidiano della pubblica amministrazione, o è solo uno slogan. Questo è quello che ha fatto il Governo Renzi, passando dalla logica del commissario esterno ad una riforma importante: quella di inserire l’attività di spending direttamente all’interno del meccanismo amministrativo del governo. Decreti annuali, responsabilizzazione dei dirigenti, obiettivi fissati, verifiche. Un’attività che ha consentito, tra l’altro, di trovare le risorse per risanare la sanità in molte regioni (e per iniziare l’abbassamento della pressione fiscale, come certificato anche dall’attuale governo).

La spending review non è materia per commissari esterni anti-mafia. È materia politica (chi decide deve aver cura dei soldi pubblici più di quanto l’abbia per i propri) e manageriale (pubblica amministrazione efficiente, manageriale e sistema istituzionale veloce)."

acchiappabufale

Seguici su Facebook

ora siamo :

Abbiamo 228 visitatori e nessun utente online

Menu