LOGO200

oggi è

350x175La situazione politica, anche se a Palazzo Chigi c'è ancora Paolo Gentiloni, dopo il 4 Marzo è ancora complicata. Sono passati 42 giorni  dal voto e ancora la possibilità della formazione di un nuovo governo sembra essere un miraggio.

M5S e Centrodestra, che avrebbero i numeri per governare, stanno " tergiversando". Il PD non sembra avere una posizione univoca sul da farsi, ovvero stare in maggioranza o all'opposizione. O meglio la posizione del PD sarebbe quella di stare all'opposizione e quindi di dare la possibilità al M5S e al Centrodesra di governare. C'è chi vorrebbe il dialogo con il M5S. Per alcuni andare all'opposizione sembra quasi essere traumatico.

Potremmo anche capire il "trauma" che stanno vivendo alcuni dirigenti del PD ma stare all'opposizione ha una sua dignità come spiega bene Pier Luigi Castagnetti qui sotto in un post di qualche settimana fa.

LA DIGNITÀ DELL'OPPOSIZIONE
Si possono interpretare in vario modo i risultati delle elezioni, ma non si può negare che siano chiari. Almeno per il Pd: gli italiani hanno voluto mandarlo all'opposizione. Può dispiacere, a me dispiace, ma la scelta è stata quella. Colpisce oggi il numero di giornalisti, intellettuali, attori, che si improvvisano esperti politici per suggerire al Pd una lettura meno severa dei risultati, per indurlo a un atteggiamento più morbido e consentire a chi ha detto di aver vinto di potere vincere.
Ma perché tanta attenzione verso il Pd che fino a ieri si è tanto denigrato e osteggiato?, perché fa tanta paura l'opposizione? 
Il vecchio PCI l'fatta per trent'anni con tanta dignità e fede nel futuro, perché dimenticarlo? 
L'opposizione è una delle funzioni tipiche della democrazia, una funzione piena di dignità. Si può fare in modo diverso da come l'ha fatto il M5S nella precedente legislatura, votando pregiudizialmente contro tutto e tutti, si può essere forza di opposizione seria e responsabile che vota a favore dei provvedimenti condivisi, senza rinunciare al proprio ruolo di opposizione. Suggerirei di rileggere gli interventi di Nino Andreatta capogruppo del piccolo gruppo dei Popolari nella legislatura 1994/96 per capire la dignità e la forza del ruolo di opposizione. 
Ricordo ancora quando, da capogruppo di opposizione nel Consiglio regionale in Emilia Romagna, nel 1987 mi sono candidato alla Camera, dopo aver consultato vari amici, fra i quali un mio maestro che mi disse: devi andare perché fra qualche anno la Dc sarà minoranza e si dispererà, perché non saprà che fare, essendosi dimenticata che la democrazia si regge sia sul ruolo della maggioranza che su quello dell'opposizione e, in quel momento, sarà importante che nel suo gruppo parlamentare ci sia qualcuno che spieghi ai colleghi che si fa politica anche dal l'opposizione. Se si ha dignità. E si hanno idee. Se non si ha nè l'una nè le altre, allora si deve semplicemente cambiare "mestiere".

 

 

acchiappabufale

Seguici su Facebook

ora siamo :

Abbiamo 289 visitatori e nessun utente online