LOGO200

oggi è

La sappiamo stiamo parlando della stessa cosa da un mese, ovvero della chiusura, ovvia, del PD al M5S. Non solo per gli insulti, ma anche e sopratutto per diversità programmatiche.

La posizione del PD, teoricamente, è chiara  il partito ha deciso di stare all'opposizione.

Il 12 Marzo, come abbiamo piu' volte detto, c'è stata la Direzione PD che ha deciso la linea . Solo 7 persone, facenti riferimento a Michele Emiliano, si sono astenute.

Orlando , l'altro giorno, ha parlato della necessità di parlare con tutti. Il suo ragionamento sembra un'apertura al M5S.

Noi gli rispondiamo che se vuole palare con il M5S è libero di farlo ma noi, militanti PD, non ci riconosciamo in questa strategia. Il signor Orlando, come direbbe Celentano, prendesse la bicicletta e andasse da Di Maio.

Anna Ascani , che ultimamente sta rilasciando diverse dichiarazioni, su Facebook ha scritto questo.

" C’è grande confusione sotto il cielo della politica italiana, tra appelli di registi, cantanti, editorialisti e via dicendo. Quindi è meglio essere molto chiari e diretti.

Per me Luigi Di Maio può pure far suo tutto il programma del Partito Democratico (per finta, come sempre, naturalmente). 
Può dire che Matteo Renzi è uno statista e il PD un grande partito riformista.
Può difendere Jobs Act e Buona Scuola. 
Non escludo che nei prossimi giorni arrivi a farlo. Non importa. Per quel che mi riguarda è meglio che si risparmi la fatica delle menzogne.
Con un “partito” diretto da una Srl privata di cui poco o nulla si sa, i cui parlamentari hanno firmato un opaco contratto anticostituzionale, che prevede pesantissime penali, non intendo dialogare. In ogni caso. 
Proprio perché considero che il bene del Paese sia tenerli lontani dal governo, non aiutarli a governare. 
Il mio non è un giudizio ma un pre-giudizio fondamentale.
Se anche il MoVimento 5 Stelle prendesse il 99% dei voti me ne resterei con l’1% in minoranza, senza ripensamenti. 
Ho una cultura di governo ma non del governo tutti i costi. E se governano loro il mio posto è dall’altra parte. All’opposizione. 
Ci si può alleare, per un tempo limitato, anche con gli avversari, ma non con chi non condivide neppure le regole fondamentali della democrazia rappresentativa. 
Per me è questo il senso della parola responsabilità oggi. 
E per me qui si chiude la questione. 
Trovino i voti per governare, se ne sono capaci. Ma senza di me. "
Delrio, attuale Ministro dei Trasporti, ha confermato l'impossibilita' di dialogo tra PD e M5S.

 

acchiappabufale

Seguici su Facebook

ora siamo :

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online