LOGO200

oggi è

ORE LAVORATIVE 650x615Luigi Marattin, responsabile economico a Palazzo Chigi, smentisce la bufala che stanno facendo girare ovvero che il jobs act è un fallimento perchè sarebbero diminuite le ore lavorative.

BUFALE E PROBLEMI VERI
Quasi tutti i giorni esponenti politici vanno in Tv a dire che “il Jobs Act è un fallimento perché sono diminuite le ore lavorate”.
Per l’ennesima volta, ecco i dati che dimostrano il contrario. In questo prospetto Istat (evidenziato nell’angolo in basso a destra) vedete chiaramente che gli anni in cui le ore lavorate diminuivano (a botte del -1,3% l’anno) erano quelli prima del Jobs Act, dal 2009 al 2014.
Nei due anni seguenti (2015 e 2016) le ore lavorate riprendono a crescere (+0,9% e +1,9%).
Piuttosto, e anche qui mi ripeto per l’ennesima volta, il vero punto - evidenziato anche in questo prospetto - è capire perché la produttività del lavoro in Italia nei vent’anni della globalizzazione sia cresciuta cinque volte più lentamente rispetto alla media Ue (0,3% annuo contro 1,6% annuo).
Anche stamattina - nonostante sia molto difficile - continuo a sognare che la prossima campagna elettorale sia dedicata (invece che alle fesserie) a chiederci perché da quando è iniziata la globalizzazione con un’ora di lavoro produciamo 5 volte più lentamente degli altri. E ad avanzare proposte concrete su come rimediare.

 

mancano alle elezioni amministrative:

acchiappabufale

seguici su twitter

Seguici su Facebook

ora siamo :

Abbiamo 416 visitatori e nessun utente online